Nissan non produrrà più X-Trail a Sunderland

Brexit ha fatto una nuova vittima! E’ di questi giorni la notizia che Nissan ha deciso di non avviare più a Sunderland come preventivamente annunciato la produzione della nuova X-Trial.

Questa decisione è stata presa dalla casa automobilistica giapponese poiché nelle ultime settimane si fa sempre più vivo lo spettro di un “hard Brexit”, cioè di un’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea senza un accordo. La situazione è precipitata quando il parlamento anglosassone ha bocciato l’accordo raggiunto da Theresa May per via del nodo del confine tra Repubblica d’Irlanda e Irlanda del Nord .

Nissan ha reso noto attraverso il proprio portavoce  di aver preso questa decisione al fine di evitare ripercussioni economiche. Viene meno così la sorprendete quanto deciso nell’autunno 2016, a pochi mesi dal referendum, di produrre la nuova generazione di X-Trial a Sunderland a seguito delle rassicurazioni della Visualizza immagine di originepremier inglese su una uscita dell’isola con un accordo con l’Europa.

Una scelta che all’epoca poteva sembrare non così azzardata dato che Sunderland è una delle maggiori fabbriche a livello mondiale per assemblaggio di automobili: qui Nissan produce Juke, Qashqai, l’elettrica Leaf e Infiniti Q30 e QX30.  La nuova vettura verrà così assemblata in Giappone, precisamente nello stabilimento di Kyushu.

Non è prevista alcuna marcia indietro per quanto riguarda la produzione di Juke e Qashqai ha dichiarato il manager Nissan rassicurando i lavoratori inglesi. Il futuro non sembra però così roseo, e non solo per la cittadina di Sunderland. In Inghilterra infatti sono presenti i maggiori produttori del settore automobilistico e tutti stanno avendo un periodo di riflessione tentennamento a nuovi investimenti in attesa di capire che cosa succederà con Brexit.

Siamo veramente sicuri che gli inglesi abbiano preso una buona decisione con il referendum? Il settore automobilistico per ora sta rispondendo con un secco no e già una vittima è stata fatta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *